Sezione Primavera per Bambini dai 24/36 mesi

Presentazione del Servizio

asilo-nido-val-seriana
Nella scuola dell’infanzia Decio e Felice Briolini da settembre 2007 è aperta una Sezione Primavera, nata per accogliere bambini dai 24 ai 36 mesi.

Questa sezione è interamente dedicata al servizio educativo per la prima infanzia che, oltre a costituire una risposta ad una diffusa esigenza sociale, vuole offrire ai bambini al di sotto dei tre anni di età un qualificato momento di preparazione e introduzione alla scuola dell'infanzia.

L'aula della sezione è adiacente alle aule della scuola dell’infanzia ed intende offrire ai bambini un luogo di formazione, di crescita armonica e serena, ma anche di socializzazione con i più “grandicelli” nella prospettiva del loro successivo ingresso nella scuola dell’infanzia.



Obiettivi

La scelta degli obiettivi è guidata dal rispetto delle dimensioni sociali e cognitive dei bambini e si delineano in: valorizzazione del gioco: Il gioco costituisce, in questa età, una risorsa privilegiata di apprendimento e di relazioni. Esso, infatti, favorisce rapporti attivi e creativi sul terreno sia cognitivo che relazionale, consente al bambino di trasformare la realtà secondo le sue esigenze interiori, di realizzare le sue potenzialità e di rivelarsi a se stesso e agli altri in una molteplicità di aspetti, di desideri e di funzioni; esplorazione e ricerca: Le esperienze promosse in aula dovranno inserire la originaria curiosità del bambino in un positivo clima di esplorazione e di ricerca, nel quale si attivino confrontando situazioni, ponendo problemi, costruendo ipotesi, elaborando e confrontando schemi di spiegazione e adeguate strategie di pensiero. vita di relazione: Il ricorso a varie modalità di relazione (nella coppia, nel piccolo gruppo, nel gruppo più allargato, con o senza l'intervento dell'Educatrice) favorisce gli scambi e rende possibile 10 un’interazione che facilita la risoluzione dei problemi, il gioco simbolico e lo svolgimento di attività complesse, spinge stimolo alle prime parole: il linguaggio dei genitori verso i propri figli si modifica e si fa più complesso naturalmente seguendo la crescita del bimbo.

L'acquisizione del linguaggio da parte del bambino avviene lungo un percorso che segue il suo sviluppo mentale. Lo sviluppo della mente nel periodo senso-motorio (i primi due anni di vita) permette al bambino di imparare ad interagire con l'ambiente. La capacità di costruirsi rappresentazioni degli oggetti si sviluppa ulteriormente per tutti i due anni di vita e matura al punto da permettere al bambino di incominciare a dare un nome a quelle rappresentazioni. Ecco allora che incomincia ad associare i nomi agli oggetti e prova a pronunciare egli stesso quei nomi per indicare quegli oggetti. L'evoluzione in questa direzione è rapida, basti pensare che normalmente un bambino intorno ai 18 mesi è in grado di chiedere una cosa che non vede. Nel periodo tra 24 e 36 mesi, il bambino è nella fase d’avvio nell’acquisizione delle parole. Qui risulta indispensabile la narrazione di brevi storielle personalizzate anche da oggetti di vita quotidiana, dove la pronuncia lenta e scandita dei nomi dei personaggi consentirà al bambino un migliore apprendimento e memorizzazione. sviluppo dell’autonomia nell’alimentazione: mangiare con cucchiaio e forchetta; nella cura di sè: la conquista del water.



La Giornata

Le routines scandiscono i vari momenti della vita in sezione e il passaggio da una fase all’altra della giornata. Le routines permettono al bambino di consolidare le proprie esperienze, di costruire il senso di fiducia necessario al processo di crescita e di autonomia. È dalla ripetitività delle routines che nasce il ricordo, l’impressione della memoria, la previsione di quello che sta per accadere, ma anche il senso di sicurezza.



L'ambiente

L’ambiente è l’elemento fondamentale della progettazione educativa. L’ambiente che la nostra Sezione Primavera offre all’esperienza dei bambini e delle bambine è costituito da spazi organizzati intenzionalmente con precisi significati educativi. Tali spazi strutturati 11 offrono ai bambini e alle bambine stimoli e possibilità di esperienze tra le più varie e nello stesso tempo costruttive e complesse. I materiali scelti sono idonei alle esigenze e al benessere dei bambini e delle bambine e consentono una ampia gamma di esperienze ludico/espressive vissute con il corpo che connotano l’immagine e la cultura della sezione.



Gli Spazi

Gli spazi sono organizzati attraverso l’allestimento di diversi angoli/ambienti: Angolo dell’attività a tavolino: le costruzioni, il disegno libero e l’attività manuale; Angolo morbido: per la conversazione, la lettura ed il relax; per la narrazione e l’ascolto; Angolo del pranzo: utilizzato anche per l’attività graficopittorica; Angolo del gioco simbolico: Angolo della cucina, una vera e propria cucina a misura di bimbo. Gli angoli del gioco simbolico servono come rafforzamento dell’identità personale del bambino sotto il profilo corporeo e intellettuale. Attraverso il gioco simbolico il bambino è sollecitato ad assumere diversi ruoli, a instaurare una vita di relazione nel rispetto delle regole, a comprendere e condividere modelli comportamentali, a collaborare e cooperare con gli altri, a far giochi di finzione in piena libertà. I giochi di ruolo, detti anche “del far finta che…”, permettono al bambino di soddisfare il suo bisogno di identificazione con gli adulti, aiutandolo ad acquisire comportamenti, schemi di azione ed espressioni verbali delle persone intorno a lui. Durante il gioco simbolico il bambino è portato a comunicare con i compagni, ma molto spesso parla anche da solo, esprimendo naturalmente le sue idee e improvvisando dialoghi che gli ricordano l'ambiente familiare.



I Progetti
  • PSICOMOTRICITA’
  • SICUREZZA
  • NATI PER LEGGERE ( Biblioteca)
  • INGLESE: ENJOY WITH ENGLISH

La proposta educativa si sviluppa sull’intero anno scolastico ed è tenuta da un’ins. madrelingua che non mira al raggiungimento di una competenza linguistica ma si concentra su una serie di esperienze e ascolto della lingua inglese, con particolare attenzione alle routines: saluto, numeri, filastrocche e brevi canzoncine.



La documentazione

Documentare significa compiere un lavoro di raccolta, di selezione e di rielaborazione di materiali significativi al fine di renderli funzionali alla formazione di una memoria. La documentazione dell’attività è quindi un processo mirato, critico, continuativo, frutto di un lavoro impegnativo di ricerca, progettazione e riflessione. La documentazione crea una memoria individuale, collettiva e istituzionale. Durante l’anno scolastico la vita di sezione e dei bambini sarà registrata e documentata con i seguenti materiali: Il quaderno delle educatrici: la compilazione di un diario giornaliero delle attività programmate, delle presenze e dei momenti salienti della giornata sarà tenuto dalle Educatrici durante tutto l’anno scolastico. La documentazione fotografica: durante l’anno verranno documentate le varie attività con foto dei bambini impegnati nelle routines significative della giornata nei giochi e nelle attività. Il questionario conoscitivo e i colloqui: per ciascun bambino verranno conservati i documenti forniti dalla famiglia e registrati i colloqui con le Educatrici.



Progetto Continuità

Accompagnare i bambini fino all’ingresso nella nostra scuola dell’infanzia è tra gli scopi della Sezione Primavera. Pertanto, durante tutto l’anno, in intensificazione nei mesi di Maggio e Giugno, verranno organizzate, con i bambini, visite e attività con le sezioni della scuola dell’infanzia. I bambini avranno così modo di conoscere insegnanti e ambienti con gradualità e di trascorrere alcuni momenti della mattina con i bambini più grandi.

 

Le iscrizioni 2019-20 sono aperte! Scrivici per maggiori info

Scarica i moduli di iscrizione: Sezione Primavera | Scuola Infanzia

Orari d'apertura

Da Lunedì al Venerdì Dalle 7.30 alle 18.00
Sabato e Domenica Chiuso

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato con la nostra newsletter:

Iscriviti alla newsletter

Joomla Forms makes it right. Balbooa.com